Ultime Notizie
Home / AMBIENTE E TERRITORIO / ADDIO MOSTRA D’OLTREMARE?
ADDIO MOSTRA D’OLTREMARE?
Un'immagine aerea della Mostra d'Oltremare

ADDIO MOSTRA D’OLTREMARE?

Con riferimento alla Mostra d’Oltremare, De Magistris dice che è sbagliato far alloggiare gli atleti delle Universiadi sulle navi perché poi sono soldi che si volatilizzano. Invece con l’acquisto dei container, questi, poi, possono essere regalati alla Protezione Civile per le emergenze abitative. La domanda da porre è: che se ne fanno poi dei container, con o senza i necessari sottoservizi?
É chiaro che in presenza di emergenze abitative i soldi investiti per i container non possono che essere utilizzati nella Mostra d’Oltremare, devastandola come già successo nel post terremoto. La prossima emergenza abitativa sarà quella dell’abbattimento delle Vele di Scampia, insieme con quella dell’alloggiamento dei ROM.
Ieri il Capo della Procura di Napoli si è espresso chiaramente, gli abitanti di Scampia sono in credito con le zone bene di Napoli, Chiaia e Posillipo ed è ora che incassino il credito. “La parte più ricca della città, quella che potrebbe facilmente dire no alla camorra, invece la favorisce”. “Provate a immaginare quanto merito abbiano i vostri genitori, i vostri parenti e voi stessi ad essere onesti, rispetto al merito che hanno altri per i quali potrebbe essere molto più semplice esserlo e che, invece, non esitano a fare affari con le organizzazioni criminali e ad agevolarne e proteggerne gli investimenti, altri che non esitano a confondersi nei luoghi dove il rampollo di una famiglia di imprenditori spende in champagne in una sera quello che una famiglia di Scampia spende in un anno”. Il virgolettato contiene parole riportate dalla stampa e accreditate a Melillo.
È possibile che siano già d’accordo di usare la presunta “emergenza villaggio atleti Universiadi” per mascherare il lavoro del più grande campo di concentramento nella Mostra d’Oltremare.
Ricordate come usarono l’America’s Cup per pedonalizzate il lungomare? Anche in quel caso i baffi “provvisori” non sono stati più rimossi per mancanza di fondi. La stessa cosa succederà con i container: parlano di problemi che causerebbe l’utilizzo, invece il vero problema forse è proprio il riutilizzo!
Cittadinanza Attiva in difesa di Napoli ed il coordinamento Insieme per Napoli, di cui la nostra Associazione fa parte, stanno studiando le iniziative da intraprendere per impedire l’ennesimo e non ultimo stupro alla città.

L’articolo che riporta le dichiarazioni di Melillo

Questo Articolo è stato visualizzato 1.752 volte

Inserisci un commento

Scroll To Top