Ultime Notizie
Home / AMMINISTRAZIONE / ATTENTATO ALLA VITA DI NAPOLI
ATTENTATO ALLA VITA DI NAPOLI
La Galleria Laziale chiusa al traffico

ATTENTATO ALLA VITA DI NAPOLI

EMERGENZA SICUREZZA E MOBILITA’
Il giorno 29 settembre 2017, con una nota interna, il Servizio Manutenzione Strade del Comune di Napoli ha comunicato a tutti i servizi coinvolti “l’esistenza di pericolo di distacco di materiale dalla copertura della Galleria Laziale e la necessità urgente della successiva messa in sicurezza della stessa”.
Solo nella nottata di sabato 11 novembre il Comune di Napoli ha disposto la chiusura della suddetta Galleria, per l’esecuzione di lavori di consolidamento che presumibilmente si protrarranno fino a Natale ed oltre, a conferma di un imponente ed imminente pericolo per i cittadini.
Per circa un mese e mezzo, mediamente 20.000 autoveicoli e motocicli al giorno sono transitati in quella Galleria mettendo inconsapevolmente a rischio l’incolumità di decine di migliaia di automobilisti e passeggeri.
Si tratta di un’omissione gravissima e irresponsabile.

L’arroganza, la sfrontatezza e la prepotenza di quest’Amministrazione, di chi la rappresenta e di chi ha ancora la faccia tosta di difenderla non hanno più limiti né pudore.
Il comandante dei VVUU Esposito, intervistato sulla situazione drammatica della Galleria Laziale e sull’ipotesi di aprire la Galleria IV Giornate al doppio senso di marcia (ipotesi che a quanto pare Palazzo San Giacomo rifiuta), ha dichiarato che “Dopo le prime giornate, i nostri concittadini, che sono assolutamente perspicaci, hanno trovato delle strade alternative anche se questo comporta, ne siamo consapevoli, una maggiore difficoltà negli spostamenti. Però, ecco, noi stiamo tentando per quanto possibile di agevolare queste strade alternative. Noi abbiamo fatto una serie di riunioni a Palazzo San Giacomo proprio su questo tema. Devo dire che ieri, in sede di comitato ordine e sicurezza pubblica, anche in previsione del prossimo incontro di calcio Napoli-Milan, le partite, ci hanno chiesto di lasciare la cosa così come sta anche per vedere, anche per verificare. Faremo un punto della situazione subito dopo l’incontro di calcio per vedere la fattibilità o meno di questa… questa è un’opportunità che stiamo verificando. Questo è il tema. Nel senso che tra sicurezza e viabilità noi privilegiamo la sicurezza dei nostri concittadini”. E l’assessore Calabrese conferma che “nel complesso la circolazione va”. DA NON CREDERE.
Intanto a Viale Kennedy e a Fuorigrotta in generale le persone che vivono lì hanno detto che c’è uno sconvolgimento delle loro vite, problemi per i figli, per il lavoro, in una parola sono esasperati. Si impiegano ore ed ore per andare da un punto all’altro della città, percorrendo inevitabilmente decine di chilometri invece dei due minuti che occorrerebbero per transitare in una galleria di un chilometro.

Cittadinanza Attiva in difesa di Napoli, con altre Associazioni e Comitati, è dunque giunta alla decisione di indire una manifestazione di vibrante protesta che si terrà in Piazza Municipio, davanti a Palazzo San Giacomo, martedì 21 novembre dalle ore 11 alle ore 13. Si sarà liberi di far sentire la propria voce.

Questa è l’ultima occasione per dimostrare che i napoletani non ne possono più e che hanno ancora un sussulto di dignità. La chiusura della Galleria Laziale è solo l’ultima conseguenza di anni di incuria e di indifferenza verso le VERE, GRAVI emergenze ed esigenze della città. Emergenze che derivano dalla completa assenza di manutenzione dei beni pubblici e di programmazione di qualsiasi genere, e dallo sperpero di quattrini dei contribuenti in iniziative inutili come la riqualificazione di Via Partenope (che è forse l’unica strada PERFETTA di Napoli) invece che nell’acquisto di indispensabili autobus, o in interminabili feste di piazza costose quanto improduttive se non dannose per la collettività. Tutto ciò ha portato al fallimento del Comune e delle sue partecipate, come ASIA, ANM, ABC, Napoli Sociale, Bagnolifutura.

PRENDETE DUE ORE DI PERMESSO, RINUNCIATE A DUE ORE DI ATTIVITA’ PROFESSIONALE MA PARTECIPATE MASSICCIAMENTE. PORTATE PARENTI ED AMICI. CONDIVIDETE DOVUNQUE. QUESTE PERSONE NON POSSONO PIU’ SOVRINTENDERE ALLA NOSTRA INCOLUMITA’ ED ALLE NOSTRE VITE. E’ IL MOMENTO DI DIRE BASTA.

Questo Articolo è stato visualizzato 1.241 volte

Inserisci un commento

Scroll To Top