Ultime Notizie
Home / AMBIENTE E TERRITORIO / DE MAGISTRIS E I RIFIUTI
DE MAGISTRIS E I RIFIUTI
De Magistris alla guida di un camion dell'ASIA

DE MAGISTRIS E I RIFIUTI

Raffaele Ambrosino, ex consigliere comunale, ha posto provocatoriamente 15 interessanti domande al sindaco Luigi De Magistris sul tema della raccolta dei rifiuti.
Siamo certi che il sindaco non risponderà mai, semplicemente perché non ha risposte da dare.

1. Oggi presentate i risultati della raccolta PaP (porta a porta) nel centro storico appena partita, ma cosa ne è di quelle già avviate anche dalla precedente giunta? Quali sono le performances dopo tanto tempo dall’avvio? Ad esempio, è vero oppure no che la PaP in ampie zone di Scampia (ampia pubblicità e propaganda all’avvio come oggi) ha smesso di funzionare ed è stato ripristinato il metodo di raccolta con i cassonetti? Se è così, perché inaugurare nuove zone di PaP se altre non funzionano? E soprattutto, perché nascondete questi fallimenti del PaP?

2. Questa parte del centro storico, come quella dei quartieri appena interessate al PaP, riguarda poche migliaia di persone, in questo caso appena 30.000 utenti che rappresentano poco più del 3% dei napoletani e quindi influisce pochissimo sul totale. Più che azione volte all’innalzamento sostanziale della percentuale complessiva di Rd sembrano spot elettorali. Quante conferenze stampe serviranno per coprire una percentuale degna di nota e tale da incrementare il risultato complessivo?

3. Venendo proprio ai risultati complessivi, Legambiente, Ispra (Ministero ambiente), Orr (Osservatorio regionale sui rifiuti), organi che effettuano monitoraggi ufficiali, attestano che la Rd a dicembre 2014 è al 22%. Perché vi ostinate a millantare il 28% aggiungendo furbescamente anche la raccolta differenziata di tipo privato (aziende, industrie, ipermercati)? Le amministrazioni precedenti non lo hanno mai fatto. È dunque comodo aggiungere un bel 6% che non è merito vostro? E lo farete anche con i dati 2015? Potreste darci i dati separati? Oppure questi di Legambiente, del Ministero e della Regione ce l’hanno con voi?

4. Perché affermate che l’amministrazione Iervolino ha lasciato con l’11% di Rd? I dati, sempre quelli ufficiali e senza la raccolta privata dicono il 18%.

5. È vero che i risultati di Rd deludenti del comune di Napoli hanno fatto perdere alla Campania 10 milioni di finanziamenti Ue?

6. Perché a differenza degli altri comuni a Napoli si praticano almeno tanti tipi di raccolta differenziata diversa dove non c’è il Pap? Cassonetti o campane blu, verdi, gialli, bianchi, magenta, marroni e poi campane dove sì o dove no e poi buste con adesivi. Si avverte una confusione incredibile specialmente nelle zone di confine tra un metodo e l’altro o non è vero?

7. Lei afferma che oggi Napoli non ha più i cumuli di rifiuti ed è sostanzialmente pulita, ed è vero in parte. Ma non lo era anche quando non eravamo in emergenza rifiuti? I cumuli fanno parte di quel nefasto periodo e il comune poco poteva fare se non aveva dove conferire i rifiuti, o no? Se si fermasse il termovalorizzatore di Acerra e si vietasse come all’epoca l’invio dei rifiuti fuori regione, lei come risolverebbe?

8. A proposito di emergenza rifiuti, più volte lei afferma di aver risolto l’emergenza rifiuti. Ci può dire come? Noi sapevamo che il decreto legislativo 94/11, seguito da una sentenza del Consiglio di Stato, la 3073 del 18 luglio 2011, sospesero la decisione del Tar Lazio che bloccava i trasferimenti dei rifiuti fuori regione e fu possibile smaltire finalmente i cumuli, e che l’apertura definitiva dell’inceneritore di Acerra fece il resto. Lei smentisce questa ricostruzione?

9. Dov’è il 70 ma diciamo il 60, il 50 o almeno il 40% di Rd che dovevate raggiungere al netto della sua esaltazione da campagna elettorale?

10. Dove sono i tre impianti di compostaggio da almeno 30.000 tonnellate ciascuno che aveva promesso di realizzare?

11. È vero che il mini impianto da appena 3.000 tonnellate che si sta realizzando nel carcere di Secondigliano non c’entra niente con voi ed è merito della Regione (gestione passata) e della cooperativa che ha presentato il progetto?

12. Lei oggi dice e afferma che non ha raggiunto questi risultati perché non ha trovato soldi nel bilancio ereditato. Ma perché lo dice solo dopo quasi 5 anni di governo? Il bilancio non lo ha letto e controllato appena insediato? Non era in quel momento che avrebbe dovuto rivedere gli obiettivi? Non è che lo dice solo ora perché il fallimento epocale è sotto gli occhi di tutti?

13. Perché nella pubblicità dei manifesti fate riferimento ai kg e non alla percentuale di raccolta differenziata? È un modo per nascondere il misero risultato?

14. Lei dice di aver internalizzato tutte le attività. Ma allora cosa sono tutti questi appalti concessi a privati per raccolta cartoni, per noleggio di mezzi compattatori e spazzatrici automatiche a caldo (compreso di personale) ?

15. È vero oppure no che a Napoli dal 2010 al 2015 la Tarsu/Tari è aumentata del 30% ed è tra le più care d’Europa?

(Raffaele Ambrosino)

Ne aggiungiamo un’altra.

16. E’ vero che non riuscite ad onorare o non volete onorare il contratto di servizio con l’Asia in tempi ragionevoli? E’ vero o non è vero che pagate le fatture con ritardi di 12-18 mesi? E’ vero o non è vero che per questo motivo l’Asia è costretta a smobilizzare le fatture presso istituti di factoring con pesante aggravio di oneri?

Un compattatore dell'ASIA

Un compattatore dell’ASIA

Questo Articolo è stato visualizzato 1.492 volte

Inserisci un commento

Scroll To Top