Ultime Notizie
Home / AMMINISTRAZIONE / IL SILENZIO DELL’INNOCENTE
IL SILENZIO DELL’INNOCENTE
L'espressione contrita di De Magistris dinanzi al feretro di Giuseppe Galasso

IL SILENZIO DELL’INNOCENTE

Cittadinanza Attiva in difesa di Napoli riporta integralmente il bel fondo di Enzo d’Errico, Direttore del Corriere del Mezzogiorno, che dipinge un veritiero e fedele ritratto, sia a beneficio di chi non ha letto l’articolo, sia perché abbiamo vissuto in diretta il 15.2.2018, al TGR Campania delle 14, la piccata reazione del sindaco De Magistris dinanzi alla telecamera.

«Forse qualcuno prima di scrivere farebbe meglio a pensare», ha detto ieri Luigi de Magistris a margine della cerimonia funebre in onore di Giuseppe Galasso. Si riferiva alle polemiche sul suo silenzio (durato 48 ore, non lo spazio di un mattino) dopo la scomparsa di uno tra i più grandi storici italiani. Sarebbe facile rispondergli: «Forse qualcuno farebbe meglio a parlare prima e non soltanto quando è costretto dalle circostanze». Ma questo è un dettaglio: che la vanità del sindaco sia solleticata dalle luci delle telecamere non è un mistero. E neppure una colpa: capita, ciascuno ha le sue debolezze. Ciò che conta è il metodo. E quanto è accaduto negli ultimi due giorni conferma l’assoluta noncuranza di de Magistris verso la realtà. Da eccellente prototipo del politico contemporaneo (altro che rivoluzionario…), infatti, il Che Guevara vesuviano storce a suo uso e consumo gli avvenimenti convinto che la memoria – affollata d’informazioni e sempre più intagliata sul modello Facebook (condivisione, non riflessione) – sia ormai un optional.

E’ il meccanismo che sostanzialmente alimenta le fake-news: i fatti non esistono, esiste soltanto il loro racconto (perlopiù truccato). In questo modo, il sindaco – che stavolta non poteva (materialmente) sottrarsi a un commento – può affermare che «mai c’è stata alcuna assenza di partecipazione e di ricordo del Comune», dimenticando che è lui ad aver taciuto per 48 ore mentre almeno due assessori – Nino Daniele e Annamaria Palmieri – ricordavano invece con affetto il ruolo svolto da Galasso nella storia culturale e politica di Napoli. Allora: perché al contrario del presidente Mattarella, del premier Gentiloni, del ministro Franceschini, del governatore De Luca (e l’elenco potrebbe andare avanti a lungo) non ha ritenuto di onorare in prima persona la memoria di uno dei nostri ultimi Maestri? Perché in due giorni è riuscito a denunciare la scarsa attuazione della Carta costituzionale, annunciare l’ennesima manifestazione a Roma contro il governo e, addirittura, ritirare la tessera numero 1 della scuderia Ferrari Club Napoli (con tanto di foto celebrativa) ma non ha trovato un quarto d’ora di tempo per scrivere un messaggio ufficiale di cordoglio? Ovviamente, nessuna risposta. Anzi, via con un’altra fake-news: «abbiamo tributato al professor Galasso gli onori massimi che si danno ai cittadini illustri». Quali? Esporre il gonfalone? E ci mancava pure che lo lasciavano in Comune…

 La celebrazione laica è stata organizzata dalla famiglia con la Società italiana di Storia Patria che l’ha ospitata nella sua sede, il carro funebre era di una ditta privata, la partecipazione è stata spontanea: è lecito chiedere quali siano stati «gli onori massimi» di cui parla il sindaco? Contrabbandare poi l’assenza di polemiche dinanzi al feretro come conferma del suo buon operato, è davvero un trucco d’alta scuola: cosa avrebbero dovuto fare i figli del professore nel giorno dell’estremo addio? Mettersi a discutere con chi, per due giorni, non li ha degnati di una sola parola «pubblica»? Evidentemente Luigi de Magistris conosceva poco Giuseppe Galasso che, da galantuomo qual era, ha insegnato ai figli tante cose ma, in primo luogo, l’educazione e il rispetto delle istituzioni. Anche di quelle che piegano la verità alle loro convenienze .
Questo Articolo è stato visualizzato 970 volte

Inserisci un commento

Scroll To Top